Festa della Liberazione

...

25/04/2020

25 Aprile 2020

 

     Giave celebra il 25 Aprile

  

La Festa della Liberazione, in questo sofferto anno 2020, sarà necessariamente vissuta silenziosamente, ma con grande senso di responsabilità. Tutti infatti abbiamo bisogno di respirare libertà, ma al contempo sappiamo che le attuali limitazioni alle nostre libertà, personali e collettive, costituiscono misure necessarie a contrastare il Coronavirus e nuovi contagi dell’epidemia. Oggi dobbiamo voler bene al nostro bellissimo paese-Giave e alla nostra Italia che, con grandi fatiche ma anche con estremo coraggio, sta affrontando una delle maggiori sfide della sua storia. I partigiani, dopo l’8 settembre, decisero di uscire allo scoperto per combattere la dittatura e porre fine alla guerra per dare un futuro di pace e democrazia al nostro Paese; oggi invece siamo chiamati a stare in casa per una eguale buona ragione: sconfiggere il Covid-19, preparandoci a una rigenerazione economica e sociale non meno impegnativa della ricostruzione di allora.

 

Gli italiani di quel tempo – i nostri padri, i nostri nonni – scelsero la strada della Resistenza. In questo 25 aprile, a 75 anni esatti dalla vittoria sul nazifascismo ,noi siamo chiamati alla sfida dell’esistenza: cominciando, sin da ora, a immaginare e a progettare concretamente il nostro futuro. L’esito della Resistenza fu la ricostruzione materiale e morale dell’Italia, simboleggiata dalla Costituzione Repubblicana. A noi oggi è chiesto di stare uniti con un forte spirito di solidarietà: il futuro di ciascuno di noi, dei nostri figli e delle nuove generazioni, la tutela degli anziani e delle persone fragili, così come il domani della nostra Giave dipendono dal coraggio, dall’impegno e dal lavoro che ciascuno di noi sarà disposto a mettere in campo, dopo questa prova in cui abbiamo riscoperto che ognuno di noi dipende nel bene e nel male da una comunità di altri che con noi e intorno a noi vivono.

 

 

L'Amministrazione comunale invita la comunità a partecipare al 75esimo anniversario della Liberazione dalle proprie abitazioni

 

 

Giave celebra in modo alternativo il 25 aprile. A causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus, l’Amministrazione comunale invita la comunità a partecipare al 75esimo anniversario della Liberazione dalle proprie abitazioni.

 

Dalle ore 7.00 presso il piazzale del Centro Sociale inizierà la Donazione del sangue da parte di 25 cittadini giavesi, in collaborazione con la sezione  Avis di Bonorva.

Ogni donatore ha già ricevuto il kit dall’Avis e avrà un appuntamento preciso per recarsi a donare.

Alle ore  12.00, dopo il rintocco delle campane chi desidera potrà affacciarsi dal balcone o dal terrazzo per cantare tutti insieme l'”Inno di Mameli” .

Il sindaco Maria Antonietta Uras, quale rappresentante dei cittadini, deporrà una corona di alloro presso il monumento ai Caduti . Seguiranno le note del “silenzio” in ricordo dei Caduti giavesi.

 

La commemorazione avrà perciò luogo secondo le disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e in ottemperanza alle linee del Prefetto in relazione all’attuale stato di emergenza epidemiologica da Covid-19.